vlag   vlag   vlag   vlag   vlag
   

Passo dello Stelvio-Ovest

CyclingUp: Passo dello Stelvio-Ovest

Regione: Alpi italiane
Durezza: 1240 pss
Dislivello (m): 1558
Chilometro più ripido: 10.8%

250 m più ripidi: 16%
Piede: 1199 m    Cima: 2757 m
Pendenza media: 7.4%
Lunghezza: 21.0 km

Da: Bormio
Pavimentazione (2015): media
Altri ciclisti: >25 all'ora
Veicoli a motore: >180 all'ora
Paesaggio e strada: circle landscape (2/5)
Ristorante o bar in cima: si

FOTOGRAFI    VIDEO    
E N LATO     Download gpx

  vlag   vlag   vlag   vlag   vlag
Passo dello Stelvio-Ovest

Profilo Passo dello Stelvio-Ovest

La salita da ovest al Passo dello Stelvio (in tedesco Stilfserjoch) è molto popolare tra i ciclisti da corsa. La causa è probabilmente da ricercare in parte nella fascinante salita allo Stelvio da est. Del resto lo Stelvio è, dopo il Col de l'Iseran in Francia, il passo più alto delle Alpi. Il lato ovest non è così bello. Il paesaggio della seconda metà della salita è brullo e gran parte della salita sono deturpate da linee elettriche e tralicci. Edifici al passo e il bivio per l'Umbrailpass sono decisamente brutti. Tutto sommato, questa è una salita difficile a causa del numero di metri di dislivello (1558). Tuttavia, la strada non è quasi mai terribilmente ripida. Uno dei tratti più ripidi (13% su 250 metri) si trova dopo quattro chilometri a Bagni di Bormio. Poco dopo una serie di cinque tunnel, dopo dieci chilometri di viaggio, si incontra il chilometro più ripido (10,7%), che comprende un tratto estremamente ripido di 250 metri (15%). Subito dopo la strada si snoda in 14 tornanti ravvicinati (7-8%). Seguono 2,5 km di pedalata tranquilla (4-6%) ma come ogni altro piacere, questo è solo temporaneo. Gli ultimi tre chilometri iniziano al bivio per l'Umbrailpass la pendenza varia poco ed è intorno al 9%. Qui l'aria rarefatta non facilita l'arrampicata (tradotto da Loris Bonotto).


Profilo Passo dello Stelvio-Ovest Passo dello Stelvio-Ovest

Tour for Life
Rijdt deze zomer de unieke en klassieke 8-daagse wielrentocht van Noord-Italië naar Zuid-Nederland voor Artsen zonder Grenzen!